Più Artigianato – Contributi a fondo perduto

Contributo Contributi a fondo perduto
Beneficiari
  • PMI
  • Micro Imprese
 Entità dell’agevolazione
  • Gli aiuti sono concessi nella forma di: contributi in conto interessi, contributi in conto canoni, contributi in conto capitale.
  • I contratti di finanziamento/leasing finanziario non possono essere inferiori ad un importo di € 5.000,00
Obiettivo
  • Supportare le imprese artigiane siciliane, agevolando gli investimenti aziendali tramite finanziamenti bancari, leasing o intermediari finanziari, con l’obiettivo di ridurre i costi e contrastare i mutamenti economici e finanziari, generati dalla recente pandemia e dall’incremento dei costi energetici.
Stato bando Bando attivo

Più Artigianato – Contributi a fondo perduto

Descrizione

L’iniziativa mira a sostenere gli investimenti delle imprese artigiane in Sicilia attraverso agevolazioni come finanziamenti bancari, leasing o interventi di intermediari finanziari, per contrastare gli impatti economici e finanziari della recente crisi pandemica e dell’incremento dei costi energetici.

Soggetti beneficiari

Possono beneficiare del contributo tutte le Micro e Piccole Medie Imprese artigiane con sede operativa in Sicilia e iscritte all’Albo delle imprese artigiane della regione, che abbiano stipulato contratti di finanziamenti bancari, leasing finanziario o finanziamenti da intermediari finanziari.

Entità e forma dell’agevolazione

Gli aiuti previsti sono di tre tipologie:

  1. Contributi in conto interessi, determinati al 60% del tasso di riferimento per i finanziamenti non garantiti da Confidi, o all’80% se garantiti.
  2. Contributi in conto canoni per leasing finanziario, calcolati al 60% del tasso di riferimento per operazioni non garantite da Confidi, o all’80% se garantite.
  3. Contributi in conto capitale, pari al 20% del costo documentato dell’investimento, coprendo almeno l’80% del costo ammissibile. Se il finanziamento copre meno dell’80%, il contributo è calcolato su quella quota.

L’importo minimo dei finanziamenti/leasing è di € 5.000,00.

La dotazione finanziaria disponibile è di € 37.959.442,84.

Spese ammissibili

Le spese ammissibili devono essere direttamente connesse al ciclo produttivo dell’attività artigianale dell’impresa e rientrare in una delle seguenti categorie:

  • Acquisto del terreno per la costruzione o ampliamento di fabbricati.
  • Costruzione, ristrutturazione, ampliamento, e ammodernamento di fabbricati, inclusi lavori e impianti per la sicurezza e l’ambiente, nonché spese di progettazione.
  • Acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, incluso quelli informatici e comunicazionali, e autoveicoli destinati all’attività artigianale.
  • Acquisto di software, diritti di brevetto, licenze, realizzazione di siti web per promuovere l’impresa e innovazioni nel processo produttivo.
  • Acquisto di materie prime e prodotti finiti.

I contratti di finanziamento/leasing prevedono condizioni economiche concordate tra le parti, con un periodo massimo di utilizzo o preammortamento di 12 mesi.

Le spese devono essere sostenute entro 12 mesi dalla presentazione della domanda, effettuata esclusivamente tramite la piattaforma web dedicata sul sito http://www.crias.it.

NB: La comunicazione di chiusura dello sportello avviene una volta esaurita la dotazione finanziaria del CRIAS.

Richiedi un’analisi di fattibilità o ottieni più informazioni

    Vuoi conoscere le altre opportunità disponibili per la tua impresa?

    Clicca qui e segui gli appuntamenti di Impresa Possibile!

    Potrebbe anche interessarti

    • Invitalia: ON – Oltre nuove imprese a tasso zero
    • ISMEA – Interventi finanziari a sostegno delle imprese del settore agricolo e agroalimentare
    • MIPAAF – Fondo per il sostegno delle eccellenze della gastronomia e dell’agroalimentare italiano